fbpx

QUANDO IL MONDO CORALE PROFESSIONISTA E QUELLO DILETTANTE SI UNISCONO!

INTERVISTA A PHILIP LAWSON

AA: Philip, hai avuto una meravigliosa carriera nei King’s Singers, uno dei gruppi vocali più acclamati al mondo. Qual è il tuo attuale approccio al mondo corale amatoriale?

PL: Adoro lavorare con i cori dilettanti (è una delle cose che ho fatto prima di unirmi ai King’s Singers, essendo entrato abbastanza tardi nel gruppo, a 36 anni) e sono affascinato dall’effetto di livellamento che ha, ovvero di persone di ogni ceto sociale che lavorano con uguale impegno per raggiungere la perfezione in qualcosa di diverso da quello che fanno normalmente nella vita e che fanno tale scelta perché amano essere lì: questo è il significato letterale di ‘dilettante’. Ora ho il mio coro, un buon coro da camera a Romsey, vicino a Southampton, a cui applico tutte le tecniche corali che abbiamo usato con i King’s Singers per il mio lavoro con loro, così come provo a fare con ogni gruppo con cui lavoro, sia come direttore ospite che con un coro laboratorio. Ai membri del mio coro piace provare a raggiungere la precisione per la quale tutti ci impegniamo, e mi aspetto un impegno totale da parte loro quando sono con me: lo dobbiamo tutti al nostro pubblico per prepararci bene e comunicare pienamente, sia che si tratti di un coro amatoriale o professionale. Anche noi ridiamo: finora ho accumulato una serie di storie divertenti della mia vita musicale, anche se sospetto che possano averne ascoltate alcune più di una volta, ma sono troppo imbarazzati per dirmi di smettere di ripetermi!

AA: Cominciamo dall’inizio dell’avventura … Ricordi come sei entrato in contatto per la prima volta con la musica corale?

PL: Sì, è stato quasi per caso… I miei genitori non erano molto interessati alla musica e quindi non mi hanno spinto in questa direzione. Come molti ragazzi della mia età frequentavo i Boy-Scout e dopo che uno dei miei amici se ne andò per unirsi ad un coro della chiesa locale venne da me e mi disse che il coro era molto più divertente degli Scout. Ho seguito il suo consiglio e questa nuova attività mi ha letteralmente cambiato la vita! Sebbene fosse solo un coro parrocchiale, eseguivamo concerti nelle cattedrali ogni anno, di solito Chichester o Guildford, e mi piaceva il modo in cui gli accordi finali echeggiavano nell’edificio, cosa che ovviamente non succedeva nella nostra chiesa relativamente piccola. Uno degli altri coristi viveva nella nostra strada e un giorno sua madre si presentò alla nostra porta e disse ai miei genitori che dovevano davvero comprarmi un pianoforte, se non altro per impedirmi di andare sempre a casa sua per chiedere di suonare il loro! I miei genitori fecero quello che gli fu suggerito e mi comprarono un pianoforte verticale piuttosto vecchio (in realtà non così verticale!). Era proprio quello di cui avevo bisogno, ho trascorso ore a suonare accordi e melodie e ho iniziato a comporre brani, principalmente corali ma anche uno o due pezzi per pianoforte. Li conservo ancora e sono tutti probabilmente solo ‘spazzatura’, ma si deve pur iniziare da qualche parte!

AA: Dirigere, cantare, comporre, organizzare … quattro diversi aspetti di un musicista che vuole dedicare la sua vita alla musica corale. È possibile diventare un vero esperto in tutto o è forse meglio perseguire solo una cosa?

PL: Penso che vada bene fare tutte queste cose insieme e che sia davvero utile approcciare la musica da diverse angolazioni. Essere attivi in una varietà di discipline può sicuramente aiutare ciascuno a svilupparsi, e se mi si chiedesse quale dei quattro ho trovato più utile nella mia esperienza, la mia risposta sarebbe cantare. Il canto è l’attività musicale più direttamente ‘fisica’ e, anche se non si ha una voce particolarmente bella, credo che ognuno dovrebbe provare a cantare, e attraverso questo imparare a conoscere risonanza, armonici, fraseggi, energia delle parole e colore della voce, tutte le cose di cui si ha bisogno per avere conoscenza ed esperienza se si vuol dirigere, o comporre o armonizzare brani per coro.

AA: Il repertorio corale è enorme: dalla polifonia alla musica contemporanea attraverso la musica barocca, romantica, lirica, gospel, seriale. I cori dovrebbero tentare di fare tutto o, se specializzati, quali dovrebbero essere i criteri per scegliere gli stili che eseguono?

PL: La mia risposta è fare ciò che ti senti a tuo agio di fare. Molti degli appassionati dei King’s Singers spesso ci hanno detto: “Cantate di tutto”. Non è del tutto vero: abbiamo eseguito molti tipi diversi di musica corale, ma mai il gospel, per esempio, o il rap! Il suono del gruppo non è adatto a quei generi, e sarebbe stato sciocco tentarli solo per il gusto di fare tutto e forse anche un po’ irriverente nei confronti dei molti esperti che lavorano in quei campi. Detto questo, è interessante dare una diversa interpretazione ad alcuni generi e fornire al pubblico una nuova visione degli stili più consueti. Un esempio di quanto dico potrebbero essere le esecuzioni dei King’s Singers del repertorio romantico tedesco (Schubert, Brahms, Mendelssohn…), con un colore diverso e, io penso, attraente. Mi ricordo di quando abbiamo registrato, in multi-tracking, Spem in alium (mottetto a 40 parti di Thomas Tallis) in studio con solo 6 voci: difficilmente si può affermare che sia stata una registrazione autentica, ma ci ha permesso di bilanciare perfettamente le voci e percepire le sfumature nell’armonia che sono così difficili da ottenere quando si tenta di registrare 40 parti diverse in un’impostazione ‘live’. Avevamo bisogno delle cuffie per registrare questo brano, ed è stato interessante e leggermente strano quando talvolta si cantavano le sospensioni e persino le false relazioni sopra un’altra parte cantata da sé stessi!

AA: Ancora una domanda sul repertorio. Oggi c’è spesso un dibattito sul modo di comporre musica corale. A volte sembra che i compositori non abbiano la possibilità di affermare il loro stile, ma soprattutto devono seguire ciò che il mercato della musica chiede. Più in dettaglio: il 90% dei cori sono dilettanti; questo influisce sulla possibilità di eseguire musica molto complicata. Stiamo perdendo la musica del nostro tempo?

PL: Finché ci sono gruppi come i King’s Singers, i BBC Singers … che possono eseguire questi difficili brani corali contemporanei, non li abbiamo persi, e inoltre non tutti i compositori sono in grado di scrivere musica davvero stimolante degna di performance: so di non poterlo fare! I King’s Singers hanno commissionato molti pezzi meravigliosi che vanno oltre le normali capacità, tranne quelle dei migliori cori amatoriali: Ligeti Nonsense Madrigals, Berio The Cries of London, Maxwell Davies The House of Winter, per citarne solo alcuni. La storia come al solito giudicherà i meriti della musica contemporanea d’avanguardia, e per questo motivo ritengo sia meglio per i compositori minori (come me!) attenersi a ciò che possiamo fare, ovvero scrivere musica più accessibile nel miglior modo possibile, piuttosto che tentare la musica ‘stimolante’ solo per il cosiddetto progresso.

AA: Secondo te, c’è un luogo giusto per ogni tipo di repertorio? Il mio amico Peter Phillips, direttore dei Tallis Scholars, una volta mi disse che non esiste una connessione specifica tra il testo e il luogo in cui canta un coro. È possibile per te rendere attraente cantare un mottetto sacro in una sala da concerto?

PL: Concordo con Peter: una sala da concerto con un’acustica eccellente è il luogo ideale per ascoltare musica sacra, in particolare quei brani polifonici le cui sfumature andrebbero altrimenti perse nel riverbero di una grande cattedrale. Allo stesso modo le chiese possono essere buoni luoghi in cui ascoltare arrangiamenti di brani popolari e spiritual. Ovviamente non possiamo sempre scegliere la nostra acustica, e se ci troviamo in uno spazio molto secco e molto vasto, la cosa più importante è ottenere dal coro una tessitura omogenea, ben bilanciata e perfettamente intonata, insistendo sull’uniformità della pronuncia vocale; a questo punto gli armonici, molto migliorati, proietteranno il suono nello spazio.

AA: La musica corale è una grande rete. Ci sono molte organizzazioni che stanno costruendo ponti tra i Paesi per rendere il mondo un luogo migliore attraverso la musica corale. Come tu saprai ci sono stati esempi di ‘rivoluzioni cantanti’, anche solo trenta anni fa. Di recente, l’Inghilterra ha deciso di uscire dall’Unione Europea. Due diversi atteggiamenti? Qual è la tua percezione?

PL: Sono triste e deluso dal risultato del nostro referendum del 2016, soprattutto perché c’era un numero così elevato di persone di mentalità liberale (purtroppo non abbastanza grande) che volevano rimanere in Europa. Tuttavia, si tratta di un’unione politica e non artistica; l’arte e la politica sono due cose molto diverse – ciò di cui abbiamo bisogno è che i governi smettano di tagliare i sussidi alle arti: ciò è potenzialmente più dannoso della domanda se gli artisti del Regno Unito hanno bisogno di visti per lavorare nell’Unione Europea e viceversa. La musica non conosce confini e dobbiamo continuare a usare la musica corale e l’arte in generale per trovare il terreno comune che ci lega tutti come individui. Sono convinto che il Regno Unito che lascia l’Unione avrà un effetto scarso o nullo sul mio lavoro e che potrò continuare le mie relazioni con i molti paesi europei nei quali ho amato soggiornare e lavorare negli anni. Viva l’Europa!

AA: L’ultima domanda, probabilmente la più complicata. Cos’è la musica corale?

PL: La musica corale è uno strumento attraverso il quale le persone si uniscono per esercitare e stimolare sia il corpo che la mente, condividere un obiettivo comune e mettere da parte, anche se solo temporaneamente, le differenze individuali. Nei King’s Singers spesso non eravamo d’accordo su molte cose, non solo musicali ma anche legate alla gestione del gruppo. Tuttavia, ricordo sempre e apprezzo il fatto che ogni volta che salivamo sul palco tutto ciò veniva momentaneamente dimenticato, nell’interesse di fare musica al più alto livello possibile e di comunicare al nostro pubblico tutte le diverse emozioni che la stessa può suscitare. La musica corale può essere fisicamente solo linee e punti su un foglio di carta ma ha il potere di migliorare, persino di cambiare la vita sia dell’esecutore che dell’ascoltatore; questo è piuttosto bello, non è vero?!

AA: Grazie Philip, questa è stata una delle interviste più stimolanti che io abbia mai fatto!

Per 18 anni Philip Lawson è stato un baritono dei King’s Singers ed è stato per la maggior parte del tempo anche il loro arrangiatore principale. Dopo aver sostituito il membro fondatore Simon Carrington nel 1993 ha partecipato a più di 2.000 concerti con il gruppo ed è apparso su molti CD, DVD, programmi radiofonici e televisivi in tutto il mondo. Philip ha contribuito con oltre 50 arrangiamenti al repertorio dei King’s Singers, di cui 10 per il CD 2008 ‘Simple Gifts’, che ha vinto il GRAMMY per il miglior album classico nel 2009. Prima di entrare a far parte del gruppo, Philip è stato direttore di una Scuola di Musica a Salisbury, in Inghilterra, e membro del coro della cattedrale; aveva precedentemente lavorato a Londra come baritono freelance, esibendosi regolarmente con i BBC Singers, The Taverner Choir, The Sixteen e i cori della St. Paul’s Cathedral e dell’Abbazia di Westminster. Ora è collaboratore e consulente per l’editore americano Hal Leonard Corporation, per il quale detiene il titolo di European Choral Ambassador. Philip ha pubblicato oltre 200 arrangiamenti e composizioni e tiene regolarmente seminari corali in Europa e negli Stati Uniti. È stato anche due volte professore al seminario europeo per giovani compositori di Aosta, sponsorizzato da Europa Cantat, e professore di direzione corale presso il Corso di Canto Corale di Segovia, Spagna. Fa parte dello staff della Wells Cathedral Specialist Music School, della Salisbury Cathedral School e dell’Università di Bristol come insegnante di performance vocale e dal 2016 è direttore musicale di The Romsey Singers.

mm

Andrea Angelini

Andrea Angelini, ha iniziato presto lo studio del Pianoforte presso il Liceo Musicale Lettimi di Rimini per laurearsi poi presso il Conservatorio "Frescobaldi" di Ferrara. Ha compiuto, inoltre, corsi di Musicoterapia con la Professoressa Cremaschi dell’Università di Milano. Ha studiato anche Organo sostenendo gli esami al Conservatorio di Pesaro. Dedicatosi contemporaneamente all’attività corale ha compiuto studi di Direzione all’Accademia Internazionale delle Arti di Roma con il M° Fulvio Angius. Si è perfezionato in questa disciplina con Peter Phillips dei “Tallis Scholar” all’International School of Oakham (Inghilterra). Ha conseguito infine, con il massimo dei voti, la laurea specialistica in Musica Corale e Direzione di Coro al Conservatorio di Cesena. Ha diretto il “Belarusian State Chamber Choir” a Minsk e in Italia, il Coro “Jauna Muzika” a Vilnius, il Coro “Ave Sol” a Riga e il Coro “Domestik” di Ekaterinburg. E’ stato anche direttore ospite del Coro Neozelandese “The Tudor Consort”. E’ ideatore e direttore dell’Ensemble Vocale professionale “Musica Ficta” con il quale tiene concerti in Italia e all’estero. E’ membro di giuria dei più prestigiosi concorsi corali in Europa, America e Asia. E’ direttore artistico del Concorso Corale Internazionale Città di Rimini, del Festival Corale Liviu Borlan (Romania), dei Concorsi Corali Internazionali di Cattolica, Venezia e Medan (Indonesia). Ha tenuto Masterclass presso le Università di Riga, Budapest, Taipei, Timisoara, Kuala Lumpur, Minsk, Shenzhen e presso il Philarmonic Center di Dubai. Le sue composizioni e trascrizioni per coro sono edite da Cantica Nova, Gelber Hund Verlag, Ferrimontana ed EurArte. E' Presidente AERCO, dopo aver ricoperto per la stessa Associazione la cariche di Delegato per la Provincia di Rimini e di membro della Commissione Artistica. E’ Direttore Responsabile di ICB, la Rivista Corale dell’International Federation for Choral Music. E’ membro dell’ACDA, l’Associazione Americana dei Direttori di Coro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *