Posted on: Aprile 25, 2023 Posted by: Gary Graden Comments: 0

di GARY GRADEN

Direttore di Coro, Cantante e Didatta

“L’universo è stato creato, con amore, 13,7 miliardi di anni fa. Stelle, galassie, pianeti, comete e altri elementi cosmici, compreso noi, esistono felicemente in una grande armonia. Gli esseri umani sono stati concepiti per percepire l’amore. Il pianeta Terra è un magnete per la vita. Gli esseri umani nascono dalle stelle e diventano anch’essi stelle. Per questo non mi considero un compositore, ma piuttosto un trascrittore di musica.” (Urmas Sisask)

Il Centro Estone di Informazione Musicale (EMIC) scrive il seguente testo per ricordare Urmas: “Urmas Sisask ha iniziato i suoi studi di composizione alla Scuola Superiore di Musica di Tallinn con Anatoli Garshnek, René Eespere e Mati Kuulberg. Ha continuato nella classe di composizione di René Eespere al Conservatorio di Stato di Tallinn, dove si è diplomato nel 1985. L’opera di Urmas Sisask è ricca di stili e generi, e varia dalla musica sacra alle canzoni popolari e persino al rap. Sisask ha composto numerose opere per pianoforte, per coro di piccole e grandi dimensioni, musica da camera e opere orchestrali. Ha ottenuto un riconoscimento internazionale soprattutto per la sua musica corale. Sisask ha scritto inni, mottetti, oratori, cantate, messe e altre opere sacre. Una delle sue composizioni corali più amate è Gloria Patri per coro misto (1988) – ciclo di 24 inni a cappella. L’interesse di Sisask per l’astronomia è datato quanto la sua attività di compositore: le sue prime opere di astro-musica sono state create già nell’infanzia (ciclo pianistico Cassiopea per bambini), quando gli capitò di improvvisare al pianoforte all’aperto, esplorando e ammirando il cielo stellato. Da allora, l’astronomia è stata la sua principale fonte di ispirazione. Oltre all’astronomia, i lavori di Sisask sono stati influenzati dall’interesse del compositore per le culture sciamaniche e per i canti runo-estoni. Urmas Sisask è stato insignito del Premio Culturale della Repubblica di Estonia (1990), dell’Ordine della Stella Bianca (Quarta Classe) (2001), dell’Ordine Armoriale della Contea di Järvamaa (2001), della Croce di Servizio Speciale delle Forze di Difesa Estoni (2004), ha ottenuto un Borsa di studio per la musica corale estone di Veljo Tormis (2007) e un Premio annuale della cultura nazionale estone dell’Unione Pro Patria e Res Publica (IRL) (2009), il titolo di musicista dell’anno della Radio estone (2010), il Premio annuale del Fondo per la cultura dell’Estonia (2010) e il Premio musicale del Consiglio musicale estone (2020).” 

Su una nota più personale, sono stato profondamente onorato quando Urmas mi ha contattato nel novembre 2019 chiedendomi se il St. Jacobs Chamber Choir fosse interessato a commissionare il Gloria Patri II. Questo nuovo lavoro sarebbe stato dedicato non ai pianeti, come nel caso del Gloria Patri, ma a 24 stelle della galassia. Urmas e io siamo amici fin dalla sua prima visita a Stoccolma nel 1989, quando il coro da camera Eesti-Projekt e la sua direttrice Anna-Lies Treimann visitarono la chiesa di St. Jacobs ed eseguirono il Gloria Patri appena composto. Siamo rimasti in contatto nel corso degli anni grazie alle mie numerose esecuzioni del Gloria Patri e di altre sue opere. Ho risposto alla richiesta di Urmas con un sonoro e immediato SÌ. Ci sono molti direttori e cori nel mondo che eseguono e apprezzano molto la musica di Urmas. Dal nostro primo incontro, non c’è stata quasi stagione in cui non abbia eseguito una o più delle sue composizioni, dal Gloria Patri alla sua bellissima ambientazione dei 12 canti di Maria op. 41, o ad altre sue opere corali, tra cui la Benedictio e la Vulgata op. 118, sia a Stoccolma che in tutto il mondo. La musica di Urmas Sisask è speciale e unica. Dà voce ai pianeti e alle stelle, agli eventi del nostro sistema solare e oltre. La sua musica ci invita ad alzare gli occhi sulla nostra galassia e su tutto l’universo. Urmas era un astronomo la cui musica si basa sulle relazioni numeriche dei corpi celesti e sulle altezze. In Gloria Patri I scopre una correlazione matematica tra la frequenza di una determinata tonalità e la rotazione di ciascun pianeta intorno al sole. L’intera opera è composta utilizzando esattamente le stesse cinque tonalità. Questo, di per sé, è qualcosa di straordinario: una suite di 24 pezzi, novanta minuti di musica, che utilizza una stessa scala di cinque toni. Il testo latino è tratto dal Libro Cattolico delle Preghiere Comuni. In Gloria Patri II, finalmente completato nell’ottobre 2021, Urmas continua a guardare al cielo per la sua ispirazione, ma in questo caso sono le stelle che ritrae; ventiquattro stelle diverse, ognuna con il proprio mondo di espressione, colore, modus e centro tonale. Il testo di ogni stella è scritto dal pastore luterano estone Jaan Tammsalu, tradotto in latino dall’originale estone.

In merito al Gloria Patri II, Urmas scrive: Questi 24 canti non sono musica spirituale basata su Gesù, ma sulla scienza. L’intera opera si basa su 24 stelle celesti selezionate attorno alle quali ruotano i pianeti extrasolari (esopianeti). Oltre ai pianeti come Giove o Mercurio, ci sono anche pianeti simili alla Terra, abitabili e verdi, che orbitano intorno alle loro stelle madri. I periodi orbitali di tutti questi pianeti sono stati convertiti in altezze fisse. Questo è lo schema sonoro dell’intera opera. E quanto può essere ricco il paesaggio musicale dell’universo! Vorrei ringraziare Jaan Tammsalu, che ha scritto questi testi spirituali e anche Marju Riisikamp, che ha tradotto questi grandi testi in latino. E infine – sono orgoglioso di aver dimostrato – anche a me stesso – attraverso la musica che noi, abitanti della Terra, non siamo gli unici esseri che osservano l’Universo e lodano Dio. Urmas Sisask

Dei suoi testi Jaan Tammsalu scrive: Il compositore Urmas Sisask mi ha chiesto di scrivere i testi per il suo lavoro e mi ha descritto quali stelle e tutto il resto avrebbe voluto inserire nella sua musica. Lo ho fatto in modo molto chiaro e io ho cercato di memorizzare la sua descrizione. Poi, durante le mie vacanze estive a Saaremaa, ho iniziato a scrivere i testi. Quando, di notte, si guarda il cielo a Saaremaa, questo è più limpido che nelle grandi città. Quindi il tempo e il posto erano favorevoli per questa creazione. Tale luogo è anche molto vicino alla Svezia. Ringrazio il compositore per il grande onore di essere il suo co-creatore. Una benedizione agli esecutori, anche loro co-creatori di quest’opera!

Urmas Sisask è morto il 17 dicembre 2022, esattamente cinque settimane dopo la prima esecuzione del suo ultimo lavoro corale. Aveva 62 anni. Ora è un tutt’uno con le stelle, l’universo e Dio. I toccanti testi di Jaan Tammsalu e del Gloria Patri II catturano la meraviglia, l’umiltà, la devozione e la gratitudine con cui Urmas Sisask vedeva e interpretava il mondo.

Il testo della prima stella recita:

Incredibili suoni luminosi!

Il creatore dell’universo ha creato più di quanto si possa comprendere.

Rimango affascinato, senza dire una parola, solo un enorme silenzio grato dentro di me.

Le parole confonderebbero.

Taccio affascinato, chiedendomi di condividere questo miracolo.

E desidero che altri si rendano conto, sentano, si stupiscano.

Mi trovo nell’incanto della creazione del Creatore.

Come in un preannuncio della sua vita e della sua troppo precoce scomparsa, Urmas trova pace, gratitudine e grazia nella stella numero 24:

Grazie, Creatore dell’Universo!

Hai detto che il mio tempo in questa Terra è finito.

Questo è ciò che hai detto di Te e di noi.

È strano che non provi tristezza quando sento questo.

Ho visto molte stelle, ho potuto meravigliarmi e ammirarle.

So che Tu non hai confini nella tua grande e calda mano.

Chiudo gli occhi e mi emoziono perché so che presto potrò vedere, ascoltare e percepire qualcosa di meraviglioso! Nella tua Terra, Padre.

Leave a Comment